Report 29 Ottobre

In una giornata di rialzi complessivi in Europa l'Italia segna la nota stonata fuori dal coro Europeo chiudendo in ribasso a -2,4%, principalmente a causa del tracollo delle banche nostrane più importanti, Unicredito e Intesa San Paolo. Le voci su possibili aumenti di capitale, che non trovano riscontri sui bilanci societari, sembrano essere le principali cause scatenanti della caduta. Ricordiamo però che Unicredito ha appena varato un aumento di capitale che la farà diventare una delle banche più solide d'Europa e Intesa prima di fare aumenti di capitali può eventualmente non distribuire il dividendo. In un mercato che si muove ormai coralmente capire l'anomalia Italia oggi personalmente mi risulta difficile. Graficamente rimaniamo nella parte inferiore del range di breve 18450/20250 ma le fortissime chiusure Americane DOW+10.88% e NSDQ100+10.92% sono convinto che daranno il loro contributo per una forte partenza domattina, mercati asiatici permettendo.

ETF S&P/MIB (ETFMIB.MI) Il nostro ETF continua a soffrire insieme all'indice, manteniamo la strategia impostata anche se domani sono convinto che avremo una giornata di riscatto. Buy 200 azioni se dovessimo ulteriormente scendere a 18€ take profit primo a 22.5 e al momento su questa operazione non impostiamo ancora uno stop loss.

Le conclusioni rimangono invariate, sono convinto che nonostante gli eccessi evidenti del mercato, sino all'esito delle elezioni Americane prima e all'incontro dei G20 in agenda per il 15 Novembre troveremo un mercato fortemente volatile ad attenderci. Quindi, anche oggi, al di là dell'operazione sull'indice non evidenzio nessun segnale multiday su nessun titolo.

A domani.

Scrivi allo Staff


 Subscribe in a reader

Commenti