SIamo nel 1995

Continua la pesante discesa che affonda i listini di tutta Europa ma in particolare la nostra Piazza Affari che con la seduta di Venerdì chiude una settimana decisamente pesante con un calo di oltre il 15,62% per l'S&P/MIB. Il motivo è legato a rumors sui timori di un rischio paese legato all'Italia dopo le fosche stime sulla crescita formulate da Bankitalia e l'allarme lanciato giovedì dal ministro Giulio Tremonti, rumors prontamente smentiti ma intanto i Cds (credit default swaps che coprono il rischio di insolvenza di un paese) a cinque anni per l'Italia venerdì hanno toccato il massimo storico.

La voglia di guardare e analizzare i grafici è veramente ai minimi storici vi allego un aggiornamento di quello a barre mensili del MIB 30 dal 1995 che mostra un veloce avanzamento verso l'area di supporto dei 13090/13000 punti, supporto che arriva dal 1995 e che mi auguro faccia il suo dovere !! A presto.


Scrivi allo Staff

 Subscribe in a reader

Commenti

Se non rmbalza ci schiantiamo, e bene i testi di scuola che dicono in teoria il prezzo delle azioni potrebbe valere anche zero sta divenendo realtà; comunque coraggio vediamo il bicchiere 1/2 pieno una bella boccata di ossigeno ci sta tutta anche se poi temo un "doppiominimo"
SEE FU ha detto…
Lunedì il rimbalzo ci dovrebbe essere quasi di sicuro perchè:
1) Abbiamo toccato un supporto importante (S&PMIB = 12.800 / Mibtel 10.700)
2) Il Dow Jones ha toccato il supporto a 6.480 ed ha fatto una candela doji (candela di stallo).

Fino dove può arrivare il rimbalzo è difficile da dire. Ma non credo un gran che. Fino a che il Dow sta sotto i 7.500 ed il DAX sotto i 4.000 non ci sono grandi speranze.
SEE FU ha detto…
Faccio inoltre notare che l'indice inglese FTSE ha toccato un supporto molto importante a circa 3.500 punti (sono i minimi del 2003). Pertanto mi aspetto un rimbalzone dell'indice inglese.
Occhio però, sotto questo supporto si va diritti a circa 3.000 punti.