Conoscere il FOREX: appuntamenti macroeconomici della settimana 10/10 - 15/10

Bentrovati lettori, da oggi inizia una nuova settimana FOREX che andremo a snocciolare insieme. L’attenzione resterà focalizzata sugli sviluppi della Grecia e sugli sforzi della UE per adottare un’azione corrdinata quale risposta alla crisi finanziaria dell’eurozona. Chi dovrà farsi carico delle ricapitalizzazioni delle banche: gli stessi istituti di credito, gli Stati o il nuovo EFSF? Attesi il discorsi del presidente della BCE, Trichet, e, dagli USA, la pubblicazione dei verbali della riunione del FOMC.





Oggi, lunedì 10 , pochi market mover di rilievo. In zona euro focus sulla produzione industriale con la diffusione del dato di Francia e Italia. L’Indice della Produzione industriale misura il cambiamento nella produzione totale delle fabbriche, delle aziende e degli erogatori di servizi pubblici. Rappresenta un buon indicatore della forza del settore manifatturiero. I mercati obbligazionari USA sono chiusi per festività (Columbus Day).

Martedì 11 tra gli eventi più rilevanti della giornata, in grado di determinare una tendenza positiva o negativa sul breve termine, vi è la dichiarazione del presidente Trichet, attuale numero uno della BCE. Il Regno Unito pubblicherà gli indici di Produzione manifatturiera, un buon indicatore della forza del settore che costituisce circa l’80% del totale della produzione industriale e tende a dominare l’impatto sul mercato, e di produzione industriale.

Mercoledì 12 verranno resi noti i verbali della riunione del FOMC di settembre, fondamentali perchè offrono un resoconto dettagliato sul dibattito in corso in materia di tassi di interesse. I verbali forniscono informazioni dettagliate sulla posizione del FOMC circa la politica monetaria e l’ampliamento dello stimolo monetario, nonchè indicazioni utili ai traders su futuri interventi e cambiamenti nei tassi d’interesse. Nella stessa giornata verrà reso noto il Claimant Count Change, che misura la Variazione del numero di disoccupati in Gran Bretagna, nel corso del mese precedente. Rilasciato mensilmente, è il primo indicatore della situazione occupazionale, pubblicato un mese prima rispetto al Tasso di disoccupazione. Il numero di disoccupati è un segnale importante dello stato di salute generale dell’economia perché la spesa dei consumatori è fortemente correlata alle condizioni del mercato del lavoro.

Giovedì 13 Stati Uniti, Canada, Cina e Gran Bretagna diffonderanno i dati della Bilancia commerciale, che misura la differenza di valore tra i beni esportati e quelli importati (esportazioni meno importazioni). Si tratta della componente principale della bilancia dei pagamenti di una nazione. Dalla zona euro, il Rapporto mensile della BCE, pubblicato 7 giorni dopo l’annuncio della decisione sui tassi di interesse. Il report fornisce mensilmente informazioni sugli interessi praticati dai mercati monetari, sulle prospettive di crescita, sulle tendenze al risparmio e su diverse tematiche economiche. La Germania renderà noto l’Indice dei Prezzi al Consumo (IPC) , che misura i cambiamenti nei prezzi di beni e servizi dal punto di vista del consumatore. Si tratta di uno strumento chiave per misurare i cambiamenti nelle tendenze di acquisto e l’ inflazione in Germania. Gli USA rilasceranno l’ Initial Jobless Claims, le Rischieste di sussidi di disoccupazione, un importante indicatore dello stato di salute del mercato del lavoro americano, rilasciato settimanalmente. Dati superiori al previsto devono essere interpretati come negativi/ribassisti per il dollaro USA (USD). Mediamente, una variazione di almeno 35.000 unità riflette un cambiamento significativo nel mercato del lavoro.

Venerdì 14  è atteso dagli USA il dato sulle Vendite al dettaglio, importante indicatore della spesa dei consumatori, altresì correlato alla fiducia dei consumatori. E’ considerato un indicatore di crescita dell’economia americana. Gli Stati Uniti renderanno noto l’ Indice sul Sentiment dei Consumatori del Michigan, che misura il livello di fiducia dei consumenti rispetto all’economia. Si tratta di un indicatore chiave, in grado di anticipare la spesa dei consumatori. L’indagine è condotta su circa 500 consumatori intervistati, cui viene chiesto di valutare il livello relativo delle condizioni economiche attuali e future.



________________________________________________________
TradingFacile Systems For Your Business
Forex: www.ClubTradingForex.com
Futures: www.TradingFacile.net
Mail: info@tradingfacile.net

______

Commenti