FINECO, DEBUTTO BOOM. VOLANO FIAT E MEDIASET

Avanzano le Borse europee sulla scia dei record di Wall Street e nell’attesa del direttorio della Bce di domani, da cui si attendono indicazioni più precise sull’avvio dei prestiti Ltro 4e sulle cartolarizzazioni. A Milano l’indice Ftse avanza dello 0,75% a quota 21.725. Buona l’intonazione delle altre Borse: Parigi +0,08%, Francoforte +0,27%, Madrid +0,02%. A Londra il Footsie 100 sale dello 0,49%.

 L’attenzione degli operatori è concentrata anche sul discorso al Fmi di Janet Yellen di stasera e sui dati americani del lavoro di domani: la previsione è di un incremento di 205.000 unità. Lo spread Btp/Bund apre in leggero calo a quota 157 bp, il rendimento dei decennali è al 2,82%. Oggi la Germania offre 4 miliardi di titoli a cinque anni.

 Grande debutto per Fineco, scambiata a 3,93 euro, in rialzo del 6,2% rispetto al prezzo di collocamento di 3,7 euro. L’offerta è stata coperta per quattro quinti da investitori internazionali. Unicredit avanza dello 0,8%, Intesa è invariata. Avanza Mediobanca +0,68%. In assestamento Monte Paschi -1,5% nonostante la fiducia del presidente Alessandro Profumo sugli stress test dopo l’aumenti capitale.




 Accelera Fiat +2,48%, ancora per effetto dei brillanti risultati in Usa (51esimo mese in ascesa per Chrysler +9% a giugno) che per i dati italiani, da cui emerge una crescita +2,8% inferiore alla media del mercato +3,8%.

 Sale anche Pirelli +0,50%. Il responsabile della Bicocca per il Sud America, Paolo Dal Pino, ha dichiarato che l’azienda centrerà gli obiettivi in Brasile salvo nuove tensioni sul mercato dei cambi. Mediobanca Securities ribadisce il rating outperform e un prezzo obiettivo di 14 euro. Tra gli industriali da segnalare anche Finmeccanica +0,21%. Il gruppo ha comunicato di aver vinto una commessa da 160 milioni di dollari per la fornitura di elicotteri in Brasile destinati alla marina milita.

 Prende quota Mediaset +2,66%. Stamattina gli analisti di Goldman Sachs hanno tagliato il prezzo obiettivo sul titolo a 4,7 euro dai 5 precedenti confermandolo nella sua Conviction Buy List. “Non c’è solo Al Jazeera tra i gruppi interessati ad una possibile partnership con Mediaset”, ha dichiarato Pier Silvio Berlusconi. Il vicepresidente ha anche dichiarato che nei primi sei mesi dell'anno la raccolta pubblicitaria Mediaset in Italia è ancora in rosso. La sensazione è che “da settembre qualche miglioramento possa concretizzarsi”.

 Banca Akros alza il giudizio su Astaldi: accumulate, target 9,8 euro (da 9). Continua la ritirata del lusso: accelerata dal report sul settore di Merrill Lynch. Scende Ferragamo, declassata da buy a neutral: Secondo gli analisti i profitti 2014/17 della maison fiorentina e di Tod’s -0,1% non cresceranno più a un tasso medio annuo del 30% (come nel periodo 2010-2013) ma solo del 9% annuo, meno dell’11% medio atteso per il settore. Confermato il giudizio Underperform su Tod’s, mantenuto il Neutral su Moncler -0,2%. Ancora Buy Brunello Cucinelli -0,3%.
FONTE: FirstOnline



___________________________________________
Forex: www.ClubTradingForex.com
Futures: www.TradingFacile.net
Mail: info@tradingfacile.net
_________________

Commenti