15 maggio 2015

Analisi Forex Intraday

Durante la sessione europea di oggi, non essendo stati pubblicati dati economici di particolare interesse, il dollaro ha cancellato parte delle perdite degli ultimi giorni.

Tuttavia, il biglietto verde ha ancora molta strada da fare per recuperare le recenti correzioni. La valuta Usa si è, infatti, mossa in rialzo su quasi tutte le controparti G10, subendo un lieve deprezzamento soltanto contro NOK. Più avanti nella giornata di oggi, l'attenzione si concentrerà sulla produzione industriale degli Usa per il mese di aprile e sulla versione preliminare dell'indagine sul sentimento dei consumatori nel mese di maggio, svolta dall'Università del Michigan.
Segnali di miglioramento potrebbero aiutare a compensare la recente delusione per le vendite al dettaglio e confermare che i deboli dati di T1 stanno per terminare. A nostro parere, tuttavia, tali possibili sviluppi devono essere confermati dall'indice core dei prezzi al consumo, che verrà pubblicato venerdì prossimo, per convincere i mercati che la manovra restrittiva della Fed è ancora sulla buona strada per far sì che USD riprenda momentum.



La divergenza di politica monetaria come argomento di mercato pare procedere insieme alla crescita economica, che attualmente paiono costituire la spinta dietro ai recenti movimenti valutari. Ieri, il presidente della Bce, Draghi, ha ribadito che il programma di Qe avrà completa attuazione, sgombrando il campo dalle speculazioni su una possibile fine anticipata del piano dato il miglioramento delle economie dell'Eurozona. Pertanto, qualora dovessimo ricevere diversi e sorprendentemente positivi dati dagli Usa nelle prossime settimane, gli investitori resteranno convinti che la Fed sia ancora dell'idea di innalzare i tassi e USD potrebbe recuperare la sua tendenza rialzista.

Ieri, la coppia USD/CAD ha sperimentato in rimbalzo, dopo aver trovato colpito il supporto 1,1920 (S1) e la linea di tendenza al rialzo che risale al minimo dell'11 luglio. Oggi, nel corso della sessione europea, il cambio viene negoziato poco al di sotto della resistenza 1,2030 (R1), ove una rottura al rialzo potrebbe colpire quota 1,2100 (R2). Sebbene il rialzo possa continuare per qualche tempo, consigliamo di assumere un atteggiamento neutrale per quanto riguarda il quadro tecnico della coppia.
Le ragioni sono:
1) la coppia viene negoziata al di sotto di entrambe le medie mobili e della linea di tendenza al ribasso, così mantenendo il quadro di breve periodo negativo;
2) vi è divergenza positiva tra entrambi i no;
3) il cambio è rimbalzato dalla linea di tendenza al rialzo di lungo periodo di cui sopra, il che potrebbe suggerire la continuazione della generale tendenza al rialzo.

Pertanto, prima di essere nuovamente sicuri del ribasso, consigliamo di attendere una chiara e decisa chiusura al di sotto di 1,1920 (S1) e della linea di tendenza la rialzo di lungo periodo. Un simile sviluppo potrebbe, infatti, comportare ampie espansioni al rialzo e, forse, avviare il raggiungimento dell'area 1,1800. Al rialzo, una mossa al di sopra di 1,2155 (R3) rappresenta lo spostamento che confermerebbe un'inversione di tendenza di breve periodo e, forse, segnalerebbe la ripresa della più ampia tendenza al rialzo. • Supporto: 1.1920 (S1), 1,1800 (S2), 1,1720 (S3).
• Resistenza: 1,2030 (R1), 1,2100 (R2), 1,2155 (R3).

Analisi Offerta da IRONFX


Per ogni tipo di consulenza potete contattare il numero 393/0974886


TradingFacile Systems For Your Business  - Ascoli Piceno  - Mail: Info@TradingFacile.net

0 commenti:

Twitter Delicious Facebook Digg RSS Favorites More

 
Cheap Web Hosting