26 aprile 2016

Antiriciclaggio commercialisti e Panama Papers: il caso dei fedelissimi amici di Marine Le Pen

Il recente caso dei Panama Papers ha sconvolto le fondamenta del mondo della finanza mondiale, così come quello della politica, dello spettacolo e dello sport. Infatti, il lungo elenco delle personalità coinvolte dalla vicenda spazia dal Primo Ministro islandese, Sigmundur Davíð Gunnlaugsson, colpevole dell’essere in possesso di una società offshore nell’ormai tristemente celebre paradiso fiscale, alla star del calcio internazionale Lionel Messi. Ma i dettagli che riguardano gli stretti collaboratori di Marine Le Pen, presidente del Front National, mettono in gioco risvolti interessanti per quanto riguarda una questione spesso alla ribalta anche fra i media italiani: l’antiriciclaggio commercialisti. Infatti, è proprio questo l’incarico ricoperto da Nicolas Crochet all’interno del partito, il quale, secondo le indiscrezioni trapelate dai documenti, avrebbe gestito con l’ausilio di Frédéric Chatillon un complicato giro di affari fra Panama, Francia, Hong Kong, Singapore e le Isole Vergini britanniche.

 La migrazione dell’ingente flusso di capitali (si parla di 316 mila euro) affonderebbe le radici nel quadro di un’altra inchiesta, risalente al 2014 e incentrata sui rimborsi elettorali chiesti allo Stato francese dal partito capeggiato da Le Pen. Infatti, pare che la dichiarazione delle spese sostenute dal FN durante la campagna del 2012 abbia insospettito gli inquirenti d’oltralpe, poiché non ritenuta attinente con l’entità della propaganda elettorale. Il tutto sarebbe stato coadiuvato dalla società Riwal, di proprietà dello stesso Chatillon, che ha gestito gli interessi del FN per le elezioni presidenziali e legislative. Quanto trapelato dai Panama Papers rivelerebbe una complessa strategia di trasferimento di denaro a tappe, terminato in un’altra società con sede a Singapore. Oggetto di aspre critiche da parte della maggior parte dei media francesi, il FN si è dichiarato completamente estraneo alla vicenda per mezzo dei suoi stessi collaboratori, Crochet e Chatillon, che hanno ribadito la loro innocenza più volte sui Social Media. Difficile sbilanciarsi nel giudizio di questioni delicate come questa, considerato il non completo accertamento delle notizie fuoriuscite di recente. Certo è che, nonostante le critiche spesso rivolte al nostro sistema legislativo, esso si dimostra molto più funzionale ed efficiente a prevenire rischi di questo tipo. Articolo scritto in collaborazione con Alavie, da oltre 20 anni al fianco di studi commerciali, aziende e grandi imprese per la completa gestione della conformità normativa.


0 commenti:

Twitter Delicious Facebook Digg RSS Favorites More

 
Cheap Web Hosting