31 ottobre 2017

[ Video analisi ] A Piazza Affari i tori riprendono fiducia

Il Ftsemib ha chiuso la settimana scorsa con il segno positivo, in rialzo del + 1.50%.




Da inizio anno il principale listino di Piazza Affari ha guadagnato il 18.5%, mostrando un ritrovato ottimismo da parte degli investitori verso i titoli del bel paese, nonostante tutte le vicissitudini legate ad un ripresa economica che ancora stenta a decollare e soprattutto tutte le vicende legate al comparto bancario.

Analizzando il grafico settimanale del Ftsemib abbiamo osservato la formazione di una candela resistiva di tipo Hanging man, che ha decretato la fine della fase correttiva iniziata dopo che i precedenti rialzi avevano spinto l’indice fino a 22.800 punti.

La correzione è terminata in area 22.000 punti, livello estremamente sensibile che avevamo già individuato come potenziale punto di rimbalzo nel corso dei precedenti appuntamenti, proprio perché con il precedente break al rialzo di tale livello avevamo osservato l’invalidazione del pattern ribassista Bearish Engulfing.



I rialzi di settimana scorsa hanno visto il mercato chiudere sui livelli da cui la correzione era partita, a dimostrazione che la pressione rialzista ha avuto la forza necessaria per annullare il break.

Ora il prossimo obiettivo di breve termine è chiaramente quota 24.000 punti, dove ci si aspetta che il mercato incontri importanti resistenze.

Tuttavia il canale rialzista all’interno del quale il prezzo si sta muovendo da inizio anno, sempre su time frame settimanale, mostra un range in contrazione, motivo per il quale ci aspettiamo un aumento di volatilità verso la fine dell’anno, che potrebbe alterare l’equilibrio in corso.

Nel medio temine osserviamo che al di sopra di 24.000 punti la prossima importante resistenza è posizionata a quota 28.000 punti, lasciando ampio margini ai rialzi; dal lato ribassista invece un supporto dinamico significativo è atteso a quota 21.000-20500.

Nel breve periodo monitoriamo invece il supporto posto a 22.000, il cui break al ribasso denoterebbe un aumento di debolezza.

0 commenti:

Twitter Delicious Facebook Digg RSS Favorites More

 
Cheap Web Hosting