Bitcoin ancora in difficoltà, calo di 300$


Ennesima seduta negativa per il Bitcoin in questo 2018.

La criptovaluta più famosa del mondo, al momento della scrittura, sta facendo registrare un crollo di oltre 300$, trascinando in territorio negativo anche le altre principali monete digitali come Ripple, Ethereum e Litecoin.
Il mercato delle criptovalute continua a mostrare grandi difficoltà e senza i decisi rally dello scorso anno, gli interessi degli investitori al riguardo stanno via via diminuendo; tutto ciò si sta riflettendo sui volumi scambiati, che a giugno sono scesi al livello più basso di oltre un anno, secondo i dati di Bitstamp Ltd.
Anche le ricerche del termine "Bitcoin" sono ai minimi storici, da un anno a questa parte, secondo i dati di google trends.
Alcuni leggendari investitori come Warren Buffett e Charlie Munger avevano fornito ai risparmiatori alcuni avvertimenti sul fatto che il mondo delle criptovalute potesse rivelarsi solamente come una grande bolla pronta ad esplodere.
Tuttavia la tecnologia blockchain, secondo molti esperti, rappresenta ancora la base per i pagamenti del futuro e per questo motivo sta per essere implementata anche da molte banche.
Ma allora perchè il valore del bitcoin non sale?
Probabilmente il vero problema è che il mercato delle criptovalute è cresciuto troppo in fretta lo scorso anno, gonfiato per lo più da grandi movimenti speculativi.

La situazione delle altre principali criptovalute

Il crollo del Bitcoin trascina nel baratro anche le altre criptovalute.
Ethereum è quella che sta facendo registrare le maggiori perdite cedendo, al momento della scrittura, il 9,30%.
Ripple cede il 6,35% e viene scambiata a quota 0,447 dollari.
Litecoin perde l'8% e il suo prezzo si attesta intorno ai 75 dollari.
Bitcoincash scende invece a quota 690$, in calo dell'8,11%

Commenti