Facebook crolla del 24% nell'after hour, i dati trimestrali deludono gli investitori


Nella giornata di ieri il gigante del social network è crollato del 24%, nella seduta after hour, cancellando così circa 140 miliardi di dollari di valore.

Gli azionisti sono rimasti delusi dai dati trimestrali e in particolar modo dalla crescita dei ricavi, che risultano essere al di sotto delle attese (13,2 miliardi contro i 13,3 miliardi attesi), e dalla crescita degli utenti attivi (nella zon Europea si è registrato un calo dell'1%).

Se nella seduta odierna Facebook dovesse confermare o incrementare le perdite fatte registrare ieri nella sessione after hour, sarebbe la più grande perdita di valore mai registrata in un giorno per una società quotata a Wall Street.

Il crollo del social network più grande del mondo potrebbe influire negativamente anche su tutto il comparto tecnologico di Wall Street in questo giovedì. Il Nasdaq Composite è l'indice che potrebbe incontrare le maggiori difficoltà.

Commenti