La peggior seduta giornaliera nella storia di Wall Street è targata Facebook



Giovedì, Facebook ha fatto la storia di Wall Steet mettendo a segno un record negativo senza precendenti; ovvero la più grande perdita giornaliera mai registrata da un’azienda, nella storia del mercato azionario statunitense.

I risultati deludenti del secondo trimestre hanno spaventato gli investitori e causato un’ondata di vendite che hanno fatto crollare le azioni del gigante dei social media del 19% nella seduta di ieri.
La capitalizzazione di mercato di Facebook è crollata di $ 119 miliardi in un solo giorno, portandosi dai 630 miliardi di dollari di mercoledì, agli attuali $ 510 miliardi.

Nessuna azienda nella storia del mercato azionario americano aveva mai perso più di 100 miliardi dollari di valore di mercato in un solo giorno.

Al secondo posto di questa speciale classifica c’è Intel, che nel settembre del 2000 aveva perso circa 91 miliardi di dollari, e al terzo posto troviamo Microsoft, che nell’aprile dello stesso anno aveva perso 81 miliardi di dollari.

Proseguono quindi le difficoltà per la società di Mark Zuckergerb in questo 2018, dopo lo scandalo legato a Cambridge Analytica, che aveva portato le azioni del 18% nella fine di Marzo.

I conti di Facebook deludono gli investitori

Il calo record di giovedì è stato innescato dall'annuncio di Facebook, dopo la chiusura dei mercati di mercoledì, che i profitti e le entrate potrebbero rallentare in futuro e che il numero di utenti attivi non è cresciuto negli ultimi 3 mesi.

I ricavi registrati negli ultimi 3 mesi ammontano a $ 13,2 miliardi contro i $ 13,3 miliardi attesi.
 La crescita degli utenti, sia su base mensile che giornaliera, è stata piatta negli Stati Uniti e nel resto del Nord America, mentre è diminuita leggermente in Europa. 

"Stiamo investendo così tanto in sicurezza che inciderà in modo significativo sulla nostra redditività", ha detto il CEO Mark Zuckerberg durante un’intervista di mercoledì. 

"Il GDPR è stato un momento importante per il nostro settore: abbiamo visto un calo delle attività mensili in Europa".

Commenti