Il Bitcoin ritorna sui livelli di un mese fà

Ad inizio mese il prezzo di Bitcoin aveva raggiunto quasi quota 7.400 dollari, ma le ultime settimane sono state caratterizzare da un forte sell-off che ha fatto ritornare il mercato sui livelli di circa un mese fà, 6.300 dollari. Cosa attendersi ora?

Il quadro generale

Sono trascorse circa due settimane da quando il rapporto di Business Insider, legato al fatto che Goldman Sachs aveva intenzione di abbandonare l’idea di aprire un trading desk sulle criptovalute, ha affondato il mondo delle monete digitali.

Da allora il Bitcoin è sceso di quasi il 13% e la situazione di tutte le criptovalute non è ancora migliorata, manifestando una persistente debolezza.

La grande banca Americana, Goldman Sachs, ha fatto un passo indietro per i forti dubbi legati al quadro normativo sul mondo della criptovaluta, che è ancora molto carente se non pari a zero. La questione normativa ha frenato in questo anno la crescita di Bitcoin, contribuendo alcune volte anche a forti crolli.

E’ per questo motivo che anche i parlamentari del comitato del Tesoro britannico hanno espresso ieri la volontà di una regolamentazione unica al fine di tutelare gli investitori.

Bitcoin e tutte le altre criptovalute potrebbero avere una svolta a fine mese, quando la SEC (Secutiry Exchange Commission) deli Stati Uniti dovrebbe dare comunicazione se approvare o meno l’ETF su Bitcoin.

Il quadro tecnico ed operativo

Bitcoin (BTC) ha chiuso la seduta di ieri in rialzo dell’1,42% rimbalzando così sul supporto posto in area 6.200 dollari dopo il forte calo fatto registrare nella giornata di lunedì. Al momento della scrittura la criptovaluta sta mostrando un segno negativo dell’1%.

In proiezione rialzista è fondamentale nel breve termine la tenuta del supporto (6.200) e il consolidamento in seguito sopra quota 6.800 dollari.

Attualmente la dinamica del mercato non prevede ingressi long, per chi invece intende entrare short è possibili sfruttare i pullback dai livelli attuali fino a quota 7.150 dollari.

I prossimi livelli di supporto sono a 6.200, 5.910, 5.500 (minore) e soprattutto a 4.900 dollari, mentre la prossima resistenza è posizionata a 6.800.

Commenti